Oggi com'è la
   
 
  Chiesa on line tutte le religioni a portata di Clic

siti cattolici italiani

 Home

 
 

Invitiamo a scrivere commenti al Vangelo o su qualunque argomento quotidiano. Forza scrivete ! Nessuno vi giudica ma tutto serve per animare il dialogo, la presenza e i valori cristiani in questo mondo. Il Vangelo è l'unica vera via di una nuova rivoluzione culturale e spirituale. Scrivi un tuo commento che verrà al più presto pubblicato
 Archivio commenti letture

 Dato che andiamo in ferie mettiamo i commenti del 15 ASSUNZIONE DI DI MARIA e della domenica 19 agosto.

COMMENTO AL VANGELO

DOMENICA 5 AGOSTO 2018

GV 6,24-35

+ Dal Vangelo secondo Giovanni

In quel tempo, quando la folla vide che Gesù non era più là e nemmeno i suoi discepoli, salì sulle barche e si diresse alla volta di Cafàrnao alla ricerca di Gesù. Lo trovarono di là dal mare e gli dissero: «Rabbì, quando sei venuto qua?».
Gesù rispose loro: «In verità, in verità io vi dico: voi mi cercate non perché avete visto dei segni, ma perché avete mangiato di quei pani e vi siete saziati. Datevi da fare non per il cibo che non dura, ma per il cibo che rimane per la vita eterna e che il Figlio dell’uomo vi darà. Perché su di lui il Padre, Dio, ha messo il suo sigillo».
Gli dissero allora: «Che cosa dobbiamo compiere per fare le opere di Dio?». Gesù rispose loro: «Questa è l’opera di Dio: che crediate in colui che egli ha mandato».
Allora gli dissero: «Quale segno tu compi perché vediamo e ti crediamo? Quale opera fai? I nostri padri hanno mangiato la manna nel deserto, come sta scritto: “Diede loro da mangiare un pane dal cielo”». Rispose loro Gesù: «In verità, in verità io vi dico: non è Mosè che vi ha dato il pane dal cielo, ma è il Padre mio che vi dà il pane dal cielo, quello vero. Infatti il pane di Dio è colui che discende dal cielo e dà la vita al mondo».
Allora gli dissero: «Signore, dacci sempre questo pane». Gesù rispose loro: «Io sono il pane della vita; chi viene a me non avrà fame e chi crede in me non avrà sete, mai!».


«Io sono il pane della vita; chi viene a me non avrà fame e chi crede in me non avrà sete, mai!».

Discorso filosofico di Gesù rivolto a farci comprendere che uno solo è il senso della vita (il pane) e che chi lo trova non ha più bisogno di altre filosofie (fonti) per dissetarsi.

In Gesù, in suo padre, e nello Spirito Santo c'è tutto quanto occorre all'uomo per vivere una vita degna di esser vissuta, piena di sorprese, gioie miracoli, e felicità.

Tutto è a portata di mano ma in realtà facciamo finta di non vederlo di non capire e di non vedere. Siamo ciechi e ci crogioliamo nella nostra cecità. Nonostante le parole chiare di Gesù non vediamo al di là del nostro naso. Eppure Gesù è venuto per farci felici e non solo come slogan pubblicitario ma, seriamente, vuole la nostra felicità. Sta a noi ascoltarlo quando ci parla attraverso le cose della vita e quando ci solletica a uscire fuori dal nostro guscio per uscire ad abbracciare il mondo.

Certo nulla è facile, perché purtroppo siamo stati abituati a non credere che Dio è lì vicino a noi pronto a esaudirci e ad amarci; ma siamo stati abituati a rispettare le regole, a pregare "come fanno i pagani" moltiplicando inutilmente le parole e le formule ripetendole all'infinito come se il suono delle parole alla fine ci ottenga la risposta di Dio.

Ma Gesù invece è lì presente come un fratello, un amico, e un padre, che non aspetta altro che gli si dica "ti amo". Dovremmo ricordarci che è questo che vuole Dio per farci felici, non aspetta altro, noi siamo il frutto del suo amore; ci ha creato in un momento di esplosione (big- bang) del suo amore e ci ha destinati ad essere simili lui e a vivere eternamente nel suo "paradiso".

Certo per qualche ragione l'uomo ha distrutto tutto questo ben di Dio, e ora il mondo non è più perfetto come era in origine, ed è per questo che ha inviato suo figlio ad aprirci di nuovo la strada del suo regno, ad iniziare da subito giacché se saremo in Lui e con Lui e se lo ameremo "con tutto il cuore e tutta la nostra anima" qualunque cosa chiederemo, Lui ce la concederà perché nulla è impossibile a Dio.

E qualunque cosa chiederete nel nome mio la farò, affinché il Padre sia glorificato nel Figlio. Se chiedete qualche cosa nel nome mio, io la farò». Gv 14, 13-14 e non possiamo dubitare della parola di Dio...

Perciò in tutte le nostre malattie e difficoltà, chiediamo l'aiuto di Dio e Lui farà tutti i miracoli necessari affinché ritorniamo ad essere sani e felici come ci vuole lui.

Non dimentichiamo che Gesù non ha negato i miracoli a nessuno, anzi, è andato oltre facendo pure resuscitare i morti... e ha pure promesso che noi grazie allo Spirito Santo faremo cose più grandi di Lui.

In verità, in verità vi dico: anche chi crede in me, compirà le opere che io compio e ne farà di più grandi, perché io vado al Padre" (Gv 14,12).


p.s. Oggi intorno a noi si parla di nuovo di razzismi, violenze, egoismi. Non c'è più nessuna regola che valga o che possa pacificare la nostra società. Il male domina il mondo dai suoi alti pinnacoli dei templi della finanza e della borsa. Tutto ciò che fu promesso a Gesù, se adorava il diavolo, è stato concesso agli uomini affamati di potere e di soldi.

Molti uomini soffrono, sono sfruttati, schiavizzati perché non sanno ricercare il vero pane di vita, credono che solo con il denaro si possa risollevarsi e riscattarsi mentre invece è solo con le parole del Vangelo che si può cambiare la nostra vita e non aver più sete di denaro, violenze, soprusi razzismi ecc. Se gli uomini impareranno ad aprire gli occhi e la mente il male avrà i giorni contati e vedremo precipitare realmente il demonio:

«Io vedevo Satana cadere dal cielo come folgore. Ecco, io vi ho dato il potere di camminare sopra serpenti e scorpioni e su tutta la potenza del nemico; nulla potrà farvi del male» Lc 10, 18-19.

Henry


COMMENTO AL VANGELO

MERCOLEDI'15 AGOSTO 2018

Lc 1,39-56

+ Dal Vangelo secondo Luca

In quei giorni Maria si alzò e andò in fretta verso la regione montuosa, in una città di Giuda.
Entrata nella casa di Zaccarìa, salutò Elisabetta. Appena Elisabetta ebbe udito il saluto di Maria, il bambino sussultò nel suo grembo.
Elisabetta fu colmata di Spirito Santo ed esclamò a gran voce: «Benedetta tu fra le donne e benedetto il frutto del tuo grembo! A che cosa devo che la madre del mio Signore venga da me? Ecco, appena il tuo saluto è giunto ai miei orecchi, il bambino ha sussultato di gioia nel mio grembo. E beata colei che ha creduto nell’adempimento di ciò che il Signore le ha detto».
Allora Maria disse:
«L’anima mia magnifica il Signore
e il mio spirito esulta in Dio, mio salvatore,
perché ha guardato l’umiltà della sua serva.
D’ora in poi tutte le generazioni mi chiameranno beata.
Grandi cose ha fatto per me l’Onnipotente
e Santo è il suo nome;
di generazione in generazione la sua misericordia
per quelli che lo temono.
Ha spiegato la potenza del suo braccio,
ha disperso i superbi nei pensieri del loro cuore;
ha rovesciato i potenti dai troni,
ha innalzato gli umili;
ha ricolmato di beni gli affamati,
ha rimandato i ricchi a mani vuote.
Ha soccorso Israele, suo servo,
ricordandosi della sua misericordia,
come aveva detto ai nostri padri,
per Abramo e la sua discendenza, per sempre».
Maria rimase con lei circa tre mesi, poi tornò a casa sua.


«E beata colei che ha creduto nell’adempimento di ciò che il Signore le ha detto».

Beati anche noi se crediamo all'adempimento del Vangelo, solo così permetteremo la nascita di un mondo nuovo con tutte le sue magnifiche conseguenze:

«di generazione in generazione ci sarà misericordia
per quelli che lo temono.
disperderà i superbi nei pensieri del loro cuore;
rovescierà i potenti dai troni,
innalzerà gli umili;
ricolmerà di beni gli affamati,
rimanderà i ricchi a mani vuote.
Soccorrerà i suoi figli
ricordandosi della sua misericordia,
come aveva detto ai nostri padri,
per Abramo e la sua discendenza, per sempre
».

La nostra fede potrà cambiare il mondo che in parte è già cambiato, milioni di uomini credono in Gesù e nel suo messaggio e tutti i giorni con la loro vita testimoniano questa presenza, sia in famiglia che nella società.

Tra i veri cristiani non esistono famiglie divise o aperte, l'amore regna e non gli egoismi, non si fanno infinocchiare dai mass media e dai cinema che parlano solo di famiglie in crisi, divise o alternative. Questi operatori dei mass media sono figli del Demonio o almeno hanno gravi problemi psicologici e riversano le loro follie inventando storie non vere ma che poi divengono modello per le masse inermi e ignoranti.

Questi operatori, parlano di libertà d'espressione, senso artistico, creazione artistica ma da principio non era così.... Sono i seguaci del serpente che convinse Adamo ed Eva a ritenersi liberi solo perchè avrebbero potuto conoscere il MALE! Come se conoscere il male fosse sinonimo di libertà!

Ma la libertà non è star sopra un albero (come diceva Gaber) ma la libertà è Partecipazione. E partecipare vuol dire condividere, amare, costruire e non distruggere, e l'uomo infatti è stato creato da Dio come "partecipe" della creazione e non come distruttore.

Maria ha partecipato alla nuova creazione e umilmente ha svolto il suo ruolo di madre e di profetessa convinta che la sola e unica vera parola salvifica è quella di DIO.

E oggi anche noi all'angelo che ogni giorno vediamo riflesso nel volto degli altri rispondimo, sia fatta la tua volontà perchè oltre c'è solo l'Inferno!


p.s. I mass media sono i grandi manipolatori delle nostre menti e della nostra società sono loro che fanno e sfanno i potenti i poteri e le schiavitù. Ma fortunamentemolti cristiani sanno criticamente leggere tra le righe e non si fanno coinvolgere, anzi rispondono colpo su colpo anche se la loro voce viene sommersa dal fragore del rumore mass-mediale.

Si presentano come un angelo annunciatore di pace ma Maria e gli altri sanno distinguere chi è Gabriele e chi Lucifero. Chi porta la voce di Dio e chi quella del Demonio (o male che dir si voglia). Anche perchè solo la parola di Dio è quella che porta la vita eterna.

Henry


COMMENTO AL VANGELO

DOMENICA 19 AGOSTO 2018

Gv 6,51-58

+ Dal Vangelo secondo Giovanni

In quel tempo, Gesù disse alla folla: «Io sono il pane vivo, disceso dal cielo. Se uno mangia di questo pane vivrà in eterno e il pane che io darò è la mia carne per la vita del mondo».
Allora i Giudei si misero a discutere aspramente fra loro: «Come può costui darci la sua carne da mangiare?».
Gesù disse loro: «In verità, in verità io vi dico: se non mangiate la carne del Figlio dell’uomo e non bevete il suo sangue, non avete in voi la vita. Chi mangia la mia carne e beve il mio sangue ha la vita eterna e io lo risusciterò nell’ultimo giorno. Perché la mia carne è vero cibo e il mio sangue vera bevanda.
Chi mangia la mia carne e beve il mio sangue rimane in me e io in lui. Come il Padre, che ha la vita, ha mandato me e io vivo per il Padre, così anche colui che mangia me vivrà per me.
Questo è il pane disceso dal cielo; non è come quello che mangiarono i padri e morirono. Chi mangia questo pane vivrà in eterno».


Chi mangia la mia carne e beve il mio sangue ha la vita eterna e io lo risusciterò nell’ultimo giorno.

Gesù parla in parabole, come era in uso a quel tempo in Israele; allora, traducendo, sappiamo oggi che la sua carne e il suo sangue sono il simbolo del suo dono, ma anche l'istituzione dell'ultima cena, dove Gesù consegna come segno perenne del suo sacrificio e della sua presenza il pane e il vino da consumarsi tra i suoi fedeli, a ricordo perenne della sua venuta, e della sua presenza viva nel tempo " Io sono con voi tutti i giorni sino alla fine del mondo" Mt 28, 20.

In pratica mangiare la sua carne e il suo sangue è condividere il suo messaggio fino nel profondo, un messaggio che è segno di vita come lo sono il pane e il sangue. Insomma solo seguire la sua parola e i suoi comandamenti ci porterà alla tanto agognata vita eterna a cui l'uomo aspira da sempre. Sembra un discorso complicato ma invece come dice Gesù è molto semplice giacché viene compreso dagli uomini semplici che si affidano a Dio mentre gli intelligenti come Nicodemo fanno fatica a comprendere «hai tenuto nascoste queste cose ai sapienti e agli intelligenti e le hai rivelate ai piccoli» Mt 11. 25.

Basta aprire il nostro cuore e Gesù come promesso scenderà dentro di noi. «Se uno mi ama, osserverà la mia parola e il Padre mio lo amerà e noi verremo a lui e prenderemo dimora presso di lui» Gv 14, 23

Cosa c'è di più bello che sentire battere il nostro cuore all'unisono con quello di Dio? E non è uno scherzo.... come dice un moderno slogan pubblicitario.

Certo i non credenti diranno che sono favole per donnette ma chi crede ha così tanto pieno il suo cuore di gioia che non gli importa del giudizio degli altri, e a chi propone via alternative alla "vera gioia" noi diciamo come San Filippo Neri "Preferisco il Paradiso".


p.s. La gioia sembra meno presente oggi, non si fa altro che parlare di delinquenza, razzismi violenze giustizia fai da te, ma questo solo nei mass media giornali compresi. Nella vita comune la gente vive tutta un altra storia. Io quando vado al giro per la città o luoghi pubblici ,ospedali ecc. trovo sempre tranquilla, serena pronta a darti una mano.

L'altro giorno alla Coop ho acquistato due lampadine e la cassiera con fare serio mi dice " Lei non ha la tessera, peccato non può usufruire della sconto...» e subito due mani di due donne sconosciute si sono fatte avanti, offendo la tessera alla cassiera per potermi fare usufruire dello sconto... se questo non è voglia di bene di sentirsi utile e di donare gioia all'altro ditemi voi che cosa è...

Henry

 

 

Il libro è disponibile da Padre Carlo oppure ordinarlo al sito dell'editrice la Bancarella su www.ibs.it

o su:

www.bancarella web.eu

 9788866150763

LA VITA E' MISSIONE pp. 400, A5, € 18,00 coll. opere dello spirito n. 5 2013.


Cara lettrice,caro lettore,siamo un piccolo gruppo di persone legate da rapporti di amicizia e dal desiderio costante di ricerca del bene comune.
Ci anima la gioiosa tensione verso il Trascendente, la ricerca costante del vero senso della vita. Ci riferiamo, in modo speciale, alla persona e al progetto di vita di Gesù di Nazareth. Nei mesi di settembre-novembre del 2012 ci siamo incontrati con un amico comune, Luigi Mosconi, missionario in Brasile da oltre 45 anni. Luigi ci ha presentato il suo ultimo libro, pubblicato lo scorso anno in spagnolo: LA VITA È MISSIONE. Il titolo ci ha incuriosito e coinvolto, abbiamo visto insieme il contenuto e è nato in noi il desiderio di tradurlo in italiano, per portarlo a conoscenza di altre persone interessate.
Lo stile di Lugi. È uno stile meditativo, contemplativo, che coinvolge e invita alla riflessione, alla revisione di vita, alla interiorizzazione, senza correre. Ci obbliga a ‘ruminare’ messaggi, a scoprire meglio la loro attualità. E questo fa bene, considerando il tempo che viviamo, dominato dalla velocità digitale. Oggi tutto si fa di corsa, si legge correndo, si stabiliscono relazioni frettolose, accavalliamo centinaia di pensieri quasi simultaneamente. Tutto questo ci porta ad essere superficiali e banali. Corriamo dietro a emozioni su emozioni, che molto spesso lasciano delusione, vuoto e perfino depressione, considerata questa già come ‘il grande male del secolo XXI’. Ben venga, quindi, questo stile di scrittura, che ci invita al silenzio, all'ascolto, alla responsabilità, a scelte coraggiose, concrete, coscienti. Abbiamo tutti estremamente bisogno di forti convinzioni capaci di sorreggerci in audaci progetti di vita.

 

qui lettera di Luigi Mosconi sulla situazione in Italia

ONORE ALNOSTRO CORO !
 PREMIO DELLA GIURA TECNICA MIGLIOR CORO IV CONCORSO CORI PARROCCHIALI

clicca qui sotto per vedere il filmatosu Yo-tube

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Per una nuova società pagine, proposte, articoli visti dalla parte dei "laici" cristiani responsabile di questa rubrica Enrico Beni (Henry)

CHI E' CHE SOFFIA SUL FUOCO DEL RAZZISMO ? News 
 IL FALSO MITO DELLA GLOBALIZZAZIONE  
  Se la droga comanda il mondo la colpa è di ciascuno di noi che la usa e non della Mafia.
  E ora facciamo il governo!

 I gruppi di vangelo vanno in vacanza

cosa sono ? Chi può partecipare?

 
E' MEGLIO DIRE LA MADRE DI TUTTE LA BOMBE ... O LA MADRE DI TUTTI I CRETINI CHE E' SEMPRE INCINTA?  
 
Cara TV 2000 si parla tanto di amore cristiano  di coppie, di matrimonio in linea con il Vangelo ma oltre che dei proclami ed encicliche di pratico non si fa altro  

 All'ombra del Primo Maggio

La lotta dei nostri cugini francesi contro il "job act", mentre noi lo abbiamo subito supinamente

 
Amoris Laetitia, si però manca una vera pastorale della famiglia....   
 Sig, Renzi Vogliamo una legge di stabilità leggibile  
 Ecco cosa serve per ripartire economicamente e socialmente  

LA COSTITUZIONE TRADITA

parte II

Mattarella, firmando l'Italicum ha agito da cristiano? 

 

 LA COSTITUZIONE TRADITA

"Italicum" la dittatura dei partiti.

 
 Natale com'è e come lo vorrei...  
 Dato che Benigni ha illustrato molto beni dieci comandamenti. noi vi riproponiamo i nostri dieci comandamenti della politica proposti il 3 novembre 2011  
Africani svegliatevi con il testo a fronte in francese  (riproposizione)  
 Renzi la dittatura della Casta, le colpe degli Astensionisti  
 25 novembre 10 dicembre 2014 POSTO OCCUPATO una proposta della Federazione Donne Evangeliche in Italia scarica qui il testo in pdf  
 Jobs act (ma che vor dì!)  

Allah non vuole La guerra! Allah è misericordioso e vuole solo la pace.

Eppure nel Medio Oriente si uccide nel suo nome... e i commercianti di armi hanno il loro nuovo vitello d'oro da adorare...

 
 Riforme, Zagrebelsky: “La finanza comanda i governi, compreso il nostro”  
L'italia che vorrei trovare dopo le ferie   
Fanfani si rivolta nella tomba, magari agissero come lui! Signora Boschi Fanfani creava lavoro voi disoccupati a questo punto i bugiardi siete voi! Pure La Pira si rivolta a vedere come gli stravolgete la costituzione di tutti gli italiani e non solo della maggioranza!    
 LA MISERIA LA FA DA PADRONA MENTRE I POLITICI PENSANO SOLO ALLA POLTRONA..  

 LA VENDETTA DI RENZI

LA STORIA SI RIPETE.

 
 Il vangelo della Vita...  

Crisi Acciaierie e indotto a Piombino

Concordia si Concordia no non è questo il problema ... Ilgoverno si deve prendere le sue responsabilità

  
Scandali Expo, Mose non c'è bisogno di leggi speciali basta usare il codice e agire con fermezza...  
 SITUAZIONE DI PIOMBINO E PAPA FRANCESCO: QUALCOSA NON MI TORNA… di Emma Gremmo
 Pasqua di “passione”per le Acciaierie Piombino  
 A margine del discorso del Papa sulla Mafia. I mafiosi non solo solo i delinquenti....  
 La conseguenza della nuova Legge Elettorale "Italicum" Muoia Sansone con tutti i filistei  

Renzi e la fine della democrazia ...

La nuova legge elettorale.

 

Renzi e gli altri politici incompetenti...

 

Crisi dell'acciaio, Piombino Europa, abbandonata dal governo..

 

Caso Priebke Nesuno tocchi Caino

Politici senza idee e spina dorsale

 

Basta Porcellum o Mattarellum è ora di Proporzionale.  
 Esistono ancora le librerie ?

Vassalli ,Valvassori, Valvassini non solo Nel popolo della Libertà

 

Chiesa cattolica italiana e Berlusconi: a quando un esame di coscienza?
di Aldo Maria Valli

Ma i nostri politici sanno che cos'è la democrazia?

 

 Il governo che non verrà  
 Habemus Papam!  
 LA PORTA DELLA FEDE  
PILLOLE ----------------------della settimana Fiat, Alcool Gioco ecc.

 

LA NECESSITA' DEI CRISTIANI DI FAR POLITICA IN UN PARTITO UNICO

Ma che spinello se volete l'estasi pregate !

Grillo come Berlusconi ?

  

ISTAT - Matrimoni- un italiano su tre divorzia !
Parola d'ordine redistribuire !   

Caro Dio ti scrivo   
Gli stipendi degli italiani non aumentano dal 1992!!!   

Comportamento Cristiano   
Governo Le Liberalizzazioni  
Governo Mari e MONTI.   
La fine del capitalismo..   

I dieci comandamenti per cambiare il paese e risorgere dalla crisi   
Bagnasco e il ruolo della Chiesa «Non può stare fuori dal sociale» Noi lo predichiamo dagli anni '80...   

Cari ragazzi e ragazze, cari giovani: studiate. Soprattutto - anche se non solo - nella scuola pubblica. Ma anche....  
Lettera pastorale del vescovo anno 2011-2012 testo in pdf  

Introduzione su Qumram (suore Laiche Cotone)in pdf

Africani svegliatevi

Plaza del sol -dell'Avvenire??

Obama si è dimenticato che gli americani erano anche loro palestinesi... per gli Inglesi...

 

 Il papa ... usate Internet! . Noi lo facciamo dal 1989!
 Interventi, Articoli dalla stampa, Le riviste Cattoliche, Lettere dall'Africa. 1 ) La rivista del Mozambico NYUSA in linea nr.11 Ottobre 2010 2) LETTERA riflessione dai nostri amici dell'Africa su Marta e Maria
 
 
 Recuperiamo la Domenica basta con i centri commerciali, outlet . Tutti i lavoratori hanno diritto al riposo e i bambini a giocare con i loro genitori e nonni ! Il profitto e il capitale devono tornare al loro posto, prima l'uomo poi il resto... e inoltre la ricchezza va ridistribuita . Vi ricordate , prima c'era la scala mobile... la merce aumentava, e di conseguenza aumentavano gli stipendi... ora non aumentano gli stipendi ma aumentano i poveri !!! I ricchi epuloni che aspettano a ridare dignità ai loro fratelli ' quando saranno morti sarà troppo tardi ci dice il vangelo !